Comunicato di sostegno allo sciopero degli scrutini

Pubblichiamo un comunicato di sostegno allo sciopero degli scrutini da parte di un gruppo di docenti che non ha potuto parteciparvi

  • Oggetto: Sciopero scrutini a.s. 2014/2015, un’azione di sostegno e solidarietà guardando al futuro della scuola.

Noi sottoscritti docenti firmatari del presente documento intendiamo manifestare il nostro pieno sostegno e la nostra solidarietà ai colleghi che nelle giornate previste metteranno in atto il blocco degli scrutini attraverso lo sciopero breve. Non potendo partecipare in prima persona all’azione di sciopero, attraverso questo gesto, dalla forte valenza simbolica, esprimiamo il nostro dissenso al DDL “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione” in discussione nelle aule parlamentari. In esso si contravviene all’idea di Scuola in cui personalmente crediamo e alla realizzazione della quale ci impegniamo con il nostro lavoro quotidiano.
Una Scuola il cui compito deve restare quello di garantire una formazione pubblica, libera, democratica e che si fondi sul principio della libertà di insegnamento così come recitano l’art. 33 della Costituzione, il D.P.R. 417/1974 e il D.Lgs. n. 297/1994.
Molto spesso in modo silenzioso e senza cercare alcuna visibilità mediatica né alcun riconoscimento economico come docenti lavoriamo spinti da un forte senso civico nei confronti dei nostri studenti e delle loro famiglie.
Il disservizio che oggi creiamo a noi per primi e alle famiglie è il piccolo prezzo che riteniamo di dover pagare per non contravvenire al nostro compito di tutelare il diritto delle nuove generazioni ad un’istruzione che continui ad essere canale di reale mobilità sociale, luogo in cui si contribuisce a realizzare “il pieno sviluppo della persona umana” come recita l’art. 3 della nostra Costituzione.

09/06/2015