Film evento al Liceo Euclide

Immagine dal film "Umanità" di Elvira GiallanellaSi è svolta sabato 2 aprile una interessante manifestazione nell’Aula Magna del Liceo Euclide. Nell’ambito del progetto Cinema&Storia alcune classi del Liceo pedagogico De Sanctis e del Liceo classico-scientifico Euclide hanno assistito alla proiezione del film “Umanità” (1919) della regista Elvira Giallanella, pressoché inedito nelle sale cinematografiche e sconosciuto anche a molti esperti e studiosi di cinema e recentemente riscoperto. Il film, infatti, è stato scoperto solo nel 2007 dalla ricerca della prof. Monica Dall’Asta, docente di cinema al DAMS di Bologna, restaurato e quindi presentato in Festival e Rassegne per gentile concessione della Cineteca Nazionale che ne è depositaria.

Il film, tratto dal racconto ”Tranquillino dopo la guerra vuol ricreare il mondo”, di Vittorio Emanuele Bravetta, è una favola che ha per protagonisti due fratellini, Tranquillino e Serenetta. Di sera in casa, mentre i genitori dormono (“mamma dorme con babbo e non sospetta, ciò che fan Tranquillino e Sirenetta”) i piccoli si alzano: la bambina va a rubare il vasetto della marmellata mentre il bimbo si dedica alle sigarette di papà… il fumo provoca un sogno angoscioso…

Gli studenti dei due licei hanno potuto apprezzare un delicato film sul valore della pace nel mondo diventando, di fatto, “i più giovani” spettatori di un film visto da poche persone, praticamente solo esperti e studiosi del cinema, come ha sottolineato la storica del cinema Micaela Veronesi, cui si deve l’unico studio monografico sulla regista e sul film, presente alla proiezione e coordinatrice del dibattito e della presentazione del film medesimo.

Non bastasse questo a rendere particolarmente unica l’esperienza avuta dai ragazzi, la creatività e la capacità musicale di alcuni alunni hanno fatto diventare la giornata un vero e proprio evento: infatti, superando la difficoltà dei tempi assolutamente esigui a disposizione, alcuni di loro hanno “commentato” musicalmente il film assolutamente muto, con il violino (Chiara Dozza: 1^ Beta), con il clarinetto (Galleri Simonetta: 1^ Beta), con la chitarra (Battolu Andrea: 1^ Beta), con la pianola (Onnis Federico: 1^ alfa), con il rullato (Corellas Alessandro e Sedda Edoardo: 1^ Beta).

Insomma, si è veramente assistito ad un “evento” gradevolissimo e di sicuro e lodevole spessore, sottolineato dall’apprezzamento di tutti gli studenti presenti, nonché dai dirigenti delle due scuole, Antonio Dimitri e Giorgio Sanna e dei vari docenti che hanno accompagnato gli studenti, tra cui giova ricordare la prof.ssa Pia Brancadori, promotrice dell’iniziativa.